Depressione

depressione ansiaCOS’E’ LA DEPRESSIONE?

A differenza della temporanea tristezza, l’abbattimento dovuto alla depressione rende difficile affrontare la vita di tutti i giorni e ci fa perdere la capacità di provare piacere e soddisfazione per le cose un tempo apprezzate. Gli hobby e gli amici non interessano più come al solito, vi sentite continuamente esausti e la sola idea di dover affrontare la giornata diventa intollerabile.

Alcune malattie hanno una specifica causa medica e ciò rende il trattamento immediate e conseguente. Se avete il diabete, vi occorre l’insulina, se avete l’appendicite, dovete farvi operare. La depressione è molto più complicata. Non è solo il risultato di uno squilibrio chimico nel cervello e non è curata da una semplice pastiglia. Gli esperti sono convinti che la depressione sia causata da una combinazione di fattori biologici, psicologici e sociali. In altre parole, le scelte di vita, le relazioni e le abilità di far fronte alle difficoltà e allo stress hanno un ruolo analogo a quello della genetica.

In ogni caso certi fattori di rischio rendono alcune persone più vulnerabili di altre alla depressione.

  • Solitudine
  • Mancanza di supporto sociale
  • Recenti esperienze di vita stressanti
  • Storia familiare di depressione
  • Problemi coniugali o relazionali
  • Difficoltà economiche
  • Traumi o abusi nell’infanzia
  • Abuso di alcool o droghe
  • Disoccupazione o sotto occupazione
  • Problemi di salute o dolore cronico

 

COSA SI PUO’ FARE CON LA PSICOTERAPIA?

La maggior parte delle persone con una malattia depressiva non cerca una cura, nonostante la maggior parte di loro possano essere aiutati, anche chi soffre di una depressione estremamente grave. Grazie ad anni di ricerche fruttuose, oggi ci sono terapie farmacologiche e psicologiche, come quella Cognitivo Comportamentale, che producono notevoli miglioramenti.

Un disturbo depressivo è una malattia che coinvolge il corpo e la mente. Influenza il modo in cui una persona mangia e dorme, i sentimenti che prova verso se stessa e il modo di vedere le cose. Un disturbo depressivo non è come uno stato d’animo triste passeggero. Non è un segno di debolezza o una condizione che può essere superata solo desiderandolo o volendolo. Le persone con una malattia depressiva non possono semplicemente “tirarsi su da soli” e stare meglio. Senza un trattamento, i sintomi possono durare per settimane, mesi o anni.

Trattamenti appropriati, in ogni caso, possono aiutare la maggior parte delle persone che soffrono di questo disturbo.

Fermare le ruminazioni prima che loro fermino voi.

Ci sono diversi “trucchetti” che possono aiutarvi a fermare il processo ruminativo. Provate qualcuno di questi:

  • Tenetevi occupati. Forse una delle più efficaci strategie che potete adottare è tenere occupato il vostro corpo e la vostra mente con qualcosa di esterno a voi stessi. Se siete completamente assorbiti in un’attività sarà difficile essere presi dalle ruminazioni. Queste attività comprendono fare i lavori di casa con la radio accesa per tenere la vostra attenzione lontano dai pensieri, fare una telefonata, navigare in Internet, andare a fare commissioni, portare il cane a fare una passeggiata e così via.
  • Allenatevi. Intensi esercizi aerobici possono esorcizzare questo processo di pensieri intossicanti. Assicuratevi di fare esercizio durante il giorno o al mattino presto perché fare attività fisica troppo vicino all’ora di andare a dormire può disturbare il sonno.
  • Alzatevi e uscite. Le ruminazioni sono più difficili quando siete fuori di casa o in compagnia di altre persone. Se vi siete accorti di essere più sensibili alle ruminazioni in certe ore della giornata, pianificate delle attività proprio in quei momenti.
  • Lasciate scorrere i vostri pensieri. Fate pratica nel lasciar scorrere i vostri pensieri negativi semplicemente osservandoli come le immagini sullo schermo della televisione. Non andate dietro ai pensieri negativi, non giudicateli e non cercate di rispondere alle domande che vi vengono in mente. Accettate semplicemente la loro esistenza e lasciateli scivolare via.
  • Diventate bravi a ridirezionare la vostra attenzione. Potete rafforzare i muscoli della vostra attenzione e concentrarvi volontariamente su cose meno deprimenti. Provate il training di concentrazione sul compito, un metodo per occuparsi degli aspetti dell’ambiente esterno in modo da interrompere con successo le ruminazioni.
  • Siate scettici. I vostri pensieri depressivi sono sintomo della vostra depressione, quindi cercate di prenderli “con le pinze”, cum grano salis come dicevano i latini. Potete resistere all’urgenza di ruminare sui vostri pensieri depressivi decidendo che non sono né veri, né importanti.

 

GLI ANTIDEPRESSIVI SONO UTILI?

Il corretto utilizzo dei farmaci antidepressivi, sotto la guida di un professionista della salute mentale, può alleviare alcuni sintomi della depressione.

Ma gli antidepressivi non sono una soluzione definitiva per la depressione.

Il farmaco è raramente una soluzione a lungo termine e soprattutto non è in grado di andare al fondo del problema.

La linea di confine

Se si soffre di una grave forma di depressione, il farmaco può essere utile. Tuttavia, molte persone fanno ricorso ai farmaci antidepressivi anche nei casi in cui terapia, esercizio fisico o strategie di auto-aiuto avrebbero potuto funzionare altrettanto bene o meglio, senza effetti collaterali.
Diverse sono le strategie terapeutiche e di auto-aiuto che possono aiutare ad affrontare il problema e fornire gli strumenti per vincere la depressione per sempre. Se da una parte il trattamento farmacologico può risultare utile, non è di sicuro l’unica risposta.

ARCHIVIO