Le Nuove Dipendenze: quali sono?

In questi ultimi anni si parla sempre più spesso delle cosiddette nuove dipendenze o, per usare un termine inglese, delle "new addictions", cioè di quei comportamenti socialmente accettati che, ripetuti ossessivamente, fino all'estremo o in modo continuamente vano e insensato, smettono di svolgere il loro ruolo sociale per schiavizzare l'essere umano.

Vengono definite “Nuove Dipendenze” in quanto non è implicato l’intervento di alcuna sostanza chimica, ma nonostante ciò hanno effetti che sono altrettanto preoccupanti e a volte persino devastanti.

COME SI MANIFESTA UNA DIPENDENZA?

Si manifestano con un crescendo di tensione ed eccitamento che precede l’inizio del comportamento, una sensazione di piacere e sollievo durante lo svolgimento del comportamento e una conseguente percezione di perdita di controllo con coazione a ripetere del comportamento, nonostante la consapevolezza dell’insorgere di conseguenze negative.

 

PERCHE' ALCUNI SVILUPPANO UNA DIPENDENZA E ALTRI NO?

Il termine “Dipendenza” significa avere bisogno, necessità, di qualcuno o qualcosa per soddisfare una propria esigenza vitale: un benessere fisico o un equilibrio psicologico. Esistono dunque sia dipendenze sane che dipendenze patologiche. Sane e naturali sono, ad esempio, la dipendenza dall'aria, dall'acqua, dal cibo, dalle relazioni sociali, dagli affetti familiari, dalla vita spirituale, nella misura in cui tutto ciò ci consente di poter vivere e accrescere la nostra interiorità.

Patologiche sono quelle dipendenze che, viceversa, diminuiscono o annullano il controllo su noi stessi, compromettendo gravemente la qualità della nostra vita e quella altrui. Tali dipendenze causano una perdita di controllo sulla capacità di scegliere, di saper dire no. Di questo tipo sono le dipendenze da sostanze e da oggetti (alcool, droghe, farmaci, beni di consumo), le dipendenze da persone (genitori, parenti, partner amorosi o sessuali, capi carismatici) o da situazioni (sesso, trasgressioni, eccessi, ecc.).

La dipendenza patologica s'instaura quando si ricorre sistematicamente ad esperienze fuori dall'ordinario, stordenti o eccitanti, per evitare ansia, panico o depressione, per riuscire a mettersi in relazione con gli altri, per provare emozioni significative nei confronti della realtà o di se stessi, per mantenere un equilibrio psicofisico, per sentirsi all'altezza delle situazioni di vita e di lavoro.

 

COME CI SI ACCORGE DI SOFFRIRE DI UNA DIPENDENZA?

Alcuni atteggiamenti che possono indicarcelo sono: l'impossibilità a resistere all'impulso di mettere in atto un certo comportamento; una sensazione crescente di tensione prima dell'inizio dell'atto e di perdita di controllo durante; ripetuti tentativi di ridurre o abbandonare il comportamento; reiterazione del comportamento nonostante la consapevolezza che lo stesso possa causare o aggravare problemi di ordine sociale, finanziario, psicologico o psichico; agitazione o irritabilità in caso di impossibilità a dedicarsi al comportamento.

Attenzione, però: non bisogna confondere una intensa attività o un uso intenso e smodato con la dipendenza: colui che sa comunque "gestire" i propri eccessi non è un dipendente, anche se è esposto a diventarlo.

 

COSA SI PUO' FARE CON LA PSICOTERAPIA?

Queste dipendenze non causate da sostanze sono molto insidiose perché meno riconoscibili e meno trattabili con mezzi terapeutici. Le persone colpite sentono una vera e propria schiavitù fisica e sintomi precisi: senza la loro "droga" avvertono nausea, mal di testa, senso di vertigine, vomito, sviluppano aggressività, ansia ed atteggiamenti patologici.

Le nuove dipendenze richiedono modelli di trattamento terapeutico specifici individuali o di gruppo.

In terapia si lavora con il paziente affichè egli comprenda l’origine del disturbo ed apprenda utili tecniche di “disintossicazione” dall’oggetto della dipendenza al fine di tornare alla vita reale.

Il modello cognitivo comportamentale si è dimostrato particolarmente efficace nel trattamento delle dipendenze patologiche poiché lavora sulla reale possibilità di cambiamento e di soluzione del problema, favorendo nel paziente l’elaborazione di strategie comportamentali utili al cambiamento, rinforzando l’autoefficacia e promuovendo l’autostima.

   
TUTTI I MIEI ARTICOLI SULLE

DIPENDENZE

16 Settembre 2019

Una borsa piena di solitudine: lo Shopping Compulsivo

La dipendenza dagli acquisti, definita anche shopping compulsivo, è un disturbo psicologico e comportamentale caratterizzato dalla tendenza a manifestare continui ed improvvisi bisogni irrefrenabili di acquisto, e […]
5 Settembre 2019
Shopping compulsivo

Shopping Compulsivo

La dipendenza dagli acquisti, definita anche shopping compulsivo, è un disturbo psicologico e comportamentale caratterizzato dalla tendenza a manifestare continui ed improvvisi bisogni irrefrenabili di acquisto, e connotato da peculiari caratteristiche che lo distinguono dalla “normale” mania di comprare tipica anche del diffuso atteggiamento consumistico proprio della nostra società moderna.
5 Settembre 2019
dipendenza da sport

La Dipendenza da Sport (Over Training and Exercise Addiction)

La dipendenza da sport è uno squilibrio dell'allenamento che si verifica quando l'attività fisica praticata è talmente intensa che il nostro organismo non riesce, nei tempi di recupero, a smaltire la fatica accumulata.
5 Settembre 2019
dipendenza da lavoro

La Dipendenza da Lavoro: Work Addiction

Il dipendente vive per il suo lavoro e si sente desolato, vuoto, angosciato o irritabile quando ne è lontano, come succede in un giorno festivo e nei fine settimana.
5 Settembre 2019
Gioco d'azzardo

La Dipendenza da Gioco d’Azzardo (Gambling)

La dipendenza dal gioco è l'unica dipendenza legale senza uso di droghe riconosciuta ufficialmente dalla psichiatria americana come un'alterazione psichica originata dal disturbo del controllo degli impulsi.
5 Settembre 2019
cyberdipendenze

Cyberdipendenze: Dipendenza da Internet

La cyberdipendenza, o dipendenza da internet è una delle più nuove dipendenze comportamentali.
5 Settembre 2019
dipendenza da sesso

La Dipendenza da Sesso (Sexual Addiction)

I dipendenti sessuali, invece, hanno perso il controllo sulla loro capacità di dire no. Invece di approcciarsi alla sessualità come gioco, relazione, comunicazione, scambio di piacere, momento privilegiato dell'intimità, la vivono in modo ossessivo, relazionandosi ad essa per confrontarsi con il dolore, prendersi cura di sé, rilassarsi dallo stress
5 Settembre 2019
dipendenza affettiva

La Dipendenza Amorosa Affettiva (Love Addiction)

Le persone con dipendenza affettiva non riescono a prendersi cura di sé, a creare degli spazi per la propria crescita personale, poiché sempre impegnate da qualche problema del partner, che richiede la loro attenzione e la loro energia vitale.