Curare l’ansia

Posted by on giugno 13, 2017 in Blog, News | Commenti disabilitati

Curare l’ansia

Curare l’ansia con la psicoterapia Cognitivo-Comportamentale è risultato essere molto efficace.

Questa terapia è composta da due componenti: i pensieri (spesso non è l’evento che causa disagio, ma l’interpretazione che facciamo del determinato evento) e i comportamenti (evitamento di determinate situazioni). Lo scopo è quello di identificare i pensieri e sostituirli con modelli più positivi e di lavorare sui comportamenti.

 

Il primo passo per gestire e curare l’ansia è quello di identificare le situazioni specifiche che attivano questa emozione, e il modo migliore è quello di tenere un diario dei sintomi, scrivendo che cosa succede quando si verificano gli stati d’ansia o l’attacco di panico. Serve anche per identificare eventuali pensieri.

 

Una volta identificata la situazione specifica che causa l’ansia, il Problem-Solving è una tecnica utile per curare l’ansia.

Il Problem-Solving prevede le seguenti fasi:

  1. Identificare il problema: annotare il problema cercando di essere molto precisi nella sua descrizione (quello che accade, dove, come, con chi, perché e quello che vorremmo modificare);
  2. Stiliamo il maggior numero possibile di opzioni per risolvere il problema;
  3. Consideriamo la probabilità di riuscita che queste opzioni possano aiutarci a risolvere il problema;
  4. Selezioniamo l’opzione che riteniamo più opportuna;
  5. Sviluppiamo un piano per provare l’opzione scelta e cerchiamo di realizzarla.
  6. Se con l’opzione scelta e realizzata non otteniamo risultati, ricordiamoci che abbiamo altre opzioni da usare. Torniamo quindi alla lista e selezioniamo la prossima opzione preferita.

 

Quando siamo turbati da continui o ricorrenti pensieri angoscianti possiamo esercitarci a gestire il pensiero attraverso queste tecniche:

  1. Distrarci usando pensieri piacevoli
  2. Tecniche di consapevolezza per reindirizzare l’attenzione da pensieri negativi a quelli positivi. Una tecnica semplice è la tecnica della “Sostituzione del pensiero”: si tratta di sviluppare un insieme di istruzioni che contrastano pensieri preoccupanti (esempio: “Questa situazione è molto difficile ma tengo duro perché non durerà molto a lungo”)

 

E’ importante anche cambiare lo stile di vita per iniziare a curare l’ansia.

Ecco alcuni cambiamenti che possiamo apportare al nostro stile di vita:

  1. Prendere parte ad un’attività piacevole quotidiana: niente di costoso o super impegnativo, bastano piccole cose che ci piace fare;
  2. Aumentare l’esercizio fisico: l’attività fisica aiuta a ridurre l’ansia, fornendo un modo per eliminare lo stress che si è accumulato nel nostro corpo;
  3. Ridurre l’assunzione di caffeina e teina: sono entrambi stimolanti e uno degli effetti collaterali è quello di tenerci vigili e forse un po’ troppo svegli! Produce anche la stessa risposta fisiologica di eccitazione che si attiva mentre siamo sottoposti a stress.
  4. Ridurre l’assunzione di alcool: l’alcool è spesso utilizzato per contribuire ad affrontare lo stress, l’ansia e la depressione. Ma una volta passato l’effetto di anestesia saremo in balia di depressione e attacchi ansiosi maggiori.
  5. Migliorare le capacità di gestione del tempo: pianifichiamo meglio il tempo per il riposo e per alcune attività da svolgere nel tempo libero! Bisogna essere realistici, la giornata non è fatta di 48 ore!

 

Per ulteriori informazioni scrivimi all’indirizzo email: chiesiscilla.psicologa@gmail.com o contattami al 329.4721097, sono a tua disposizione e mi puoi trovare nello studio di Psicologia ad Imola e a Ravenna.

ARCHIVIO